sabato 31 dicembre 2011

INTERROTTA DA UNA FRANA LA SS113 IN PROSSIMITA' DI CAPO CALAVA'

DIFFICOLTA' NELLA CIRCOLAZIONE TRA GIOIOSA MAREA E PATTI
             Questo vecchio anno, prima di andarsene, ha voluto lasciare un altro segno maligno. 
Alle 14,50 di oggi, giorno di San Silvestro, è franata, sulla SS113 prossima a Capo Calavà, mezza collina, invadendo l'intera carreggiata.
Un automobilista, che stava percorrendo quel tratto di strada, ha avuto la fortuna d'essere passato di là appena un attimo prima, tanto d'avere sentito alle spalle il boato prodotto dall'enorme massa precipitata.
La circolazione adesso è interrotta e continuerà ad esserlo chissà per quanto tempo.

Unica alternativa resta l'autostrada A 20.

BARCELLONA POZZO DI GOTTO: L'ALLUVIONE CONTINUA AD ESSERE SOTTOVALUTATA


Sono intervenuto più di una volta per sottolineare quanto sia stato e continua ad essere sottovalutato, dalla Regione e dallo Stato,  il gravissimo effetto dell'alluvione del 22 novembre sulla cittàdi Barcellona Pozzo di Gotto.
E non mi stancherò di ripetere tale amarissima denuncia, il cui significato è avvalorato dalla costante consuetudine dei nostri uomini politici di fare gli gnorri di fronte ai nostri eclatanti problemi; o tutt'al più di strombazzare promesse mai mantenute.
Ricorderanno i miei amici - e anche coloro che non sono tali - che è stato personalmente l'assessore alla salute della Regione siciliana, Massimo Russo, ad annunciare un suo decreto inteso a stabilire l'esenticket sanitario, valevole fino al 31 dicembre 2012,  a vantaggio  delle popolazioni  colpite dall'alluvione avvenuta nel Messinese il 22 novembre ultimo scorso.
Successivamente, lo stesso amministratore regionale aveva fatto precisare che era stata affidata all'ASP di Messina la competenza di stabilire il criterio e la meccanica burocratica per la messa in funzione del dettato regionale.
Adesso l'ASP si lava le mani e fa sapere che "dovranno essere gli stessi Comuni colpiti dall’alluvione del 22 novembre 2011 a rilasciare agli interessati le esenzioni dal ticket (prestazioni sanitarie e farmaci) decise dall’Assessorato Regionale della Salute".
Tale chiarimento è stato diretto ai medici che lamentavano difficoltà nell’interpretazione del decreto dell’Assessore Russo, emanato lo scorso 19 dicembre 2011, che - come dicevo - dispone l’esenzione dal pagamento delle quote di compartecipazione alla spesa sanitaria ai cittadini coinvolti nei recenti eventi calamitosi.
"Già nel caso degli eventi dell’1 ottobre 2009 - sottolinea l’Asp di Messina - l’Assessorato regionale della Salute aveva specificato che l’esenzione era rivolta a coloro che avevano effettivamente subito dei danni, attribuendo il compito di individuare i soggetti interessati ai Comuni delle zone colpite dall’alluvione ed evidenziando che la mera residenza non costituiva titolo per accedere al beneficio. Pertanto, anche oggi come per il passato, i Comuni individuati dal DPCM del 25 novembre 2011, sono chiamati a farsi carico di rilasciare la certificazione di esenzione unicamente ai cittadini direttamente coinvolti nei fatti alluvionali: sfollati, imprenditori che hanno subito danni alle aziende, soggetti che hanno subito danni alle abitazioni e ai beni mobili, imprese commerciali, etc".
 Siamo quindi giunti ad una restrizione, che tuttavia mette in notevole difficoltà i Comuni i quali, proprio a causa del disastroso evento, sono attualmente oberati da molteplici  gravosi impegni.
Adesso vedremo con quanta sollecitudine, i veri colpiti dall'alluvione - che sicuramente sono tantissimi - riusciranno a ottenere l'esonero con tanta retorica annunciato.







TANTISSIMI AUGURI A TUTTO IL MONDO PER UN NUOVO ANNO SERENO

clicca qui........................................................................CIAO PAOLO
CaptivEYE Interactive Webcam Construction Tourism Timelapse Security 3G h264 Streaming Webcast - Cap

venerdì 30 dicembre 2011

TORNA LA PIOGGIA E SI SPERA CHE STAVOLTA SIA BENEFICA

Il maltempo, come previsto nei precedenti aggiornamenti, è arrivato in Sicilia e sta sferzando tutte le zone tirreniche della Regione, in modo localmente violento. Piogge e temporali interessano in modo particolare le aree costiere e litoranee di Palermitano e Messinese, dove le temperature sono in picchiata e in alcuni casi sono già crollate fino a +8°C lungo le coste. Sui rilievi ha iniziato a nevicare, al momento solo oltre i 1.300 metri di quota, ma quest’ondata di maltempo si intensificherà nelle prossime ore e caratterizzerà la sera/notte e poi ancora la mattinata di domani, con precipitazioni localmente forti nel basso Tirreno e accumuli abbondanti specie nel Messinese, tra Nebrodi e Peloritani, dove potranno cadere fino a oltre 70mm di pioggia. La quota neve si abbasserà fino a 800/900 metri di altitudine, localmente anche più in basso senza accumuli, e sui rilievi Nebroidei ci saranno nuove nevicate sostanziose.
Oltre al maltempo, ci saranno forti venti di maestrale e tramontana e di conseguenza il mar Tirreno andrà in burrasca, con mareggiate tra le Eolie e il litorale palermitano e messinese.
NOTIZIE TRATTE DA MeteoWeb
Le condizioni meteo miglioreranno dal pomeriggio di domani, sabato 31 dicembre, per poi una notte di San Silvestro e un Capodanno assolutamente stabili, con cielo sgombero da nubi, stellato di notte e sereno di giorno, anche se con temperature basse specie di notte e al mattino.

I SACCHETTI DI PLASTICA TORNANO FELICEMENTE IN VITA

I sacchetti di plastica per la spesa, destinati a sparire dalla circolazione, possono contiuare ad essere utilizzati, essendo subdolamente scomparso, nel decreto mille proroghe del governo Monti, l'articolo che, stabilendo i corretti parametri di biodegradabilita' nell'ambiente e compostabilita' degli shopper secondo la norma europea EN13432, ne decretava il bando definitivo.
Legambiente considera  grave e  dannoso aver cancellato quell'articolo, non solo per l'ambiente, ma anche per l'immagine stessa dell'Italia.  
Adesso però - essendosi gli esercenti abituati a farci pagare salato lo shopper cosiddetto ecologico - bisogna vedere se ci daranno la possibiltà di risparmiare almeno qualche centesimo sul sacchetto della spesa.
Il ritorno alla diffusione degli shoppers di plastica è stato giustificato dall'esigenza di non fare perdere il posto di lavoro a migliaia persone, impiegate nel settore.

L'ALLUVIONE NON E' SOLO IMPUTABILE ALLA MALASORTE, MA ANCHE AL MALGOVERNO

GIANVITO GRAZIANO
. "Il 2011 è stato veramente un anno drammatico. Il nostro pensiero in questi giorni di festività va alle popolazioni duramente colpite, a chi è costretto ancora a vivere fuori dalle proprie case, va a quei giovani che hanno liberato le strade ed i palazzi dal fango e, ovviamente, va ai familiari delle tante vittime di una dissennata politica del territorio. L’auspicio è che quello che è accaduto non accada ancora. Ma per far questo l’Italia, ottava potenza mondiale, Paese che ama definirsi civile, deve credere fortemente nella politica della prevenzione”.
“ L’augurio è che nel 2012 l’Italia punti veramente sulla prevenzione – ha proseguito Graziano - sia sul fronte dissesto idrogeologico, sia su quello del rischio sismico. Solo così potremo salvare vite umane, ma anche il nostro grande patrimonio di beni archeologici e culturali. Solo così in Italia si avrà una possibilità di sviluppo economico e si creeranno nuovi posti di lavoro".
Queste preoccupate espressioni sono nel contesto di una dichiarazione fatta ieri dal Presidente del Consiglio Nazionale dei Geologi, Gian Vito Graziano, esperto di notevole caratura, che tra l'altro è stato presidente dei geologi di Sicilia ed ha quindi presente quanto precaria sia la situazione della nostra Isola.
Il presidente Graziano non ha mai lesinato parole di dissenso alla politica finora condotta nella cura del territorio, ed è auspicabile che - malgrado la crisi finanziaria - finalmente il Governo attuale si renda conto della utilità di prevenire, anzicché ricorrere ai ripari d'emergenza.
Un ricorso che, oltre ad essere tardivo, non è mai risultato completo ed efficiente.
Prova ne sia ciò che sta accadendo a Barcellona, dove la gravissima situazione causata dall'esondazione dei torrenti e delle saie non si riesce ad affrontare efficacemente per la sopravvenuta interruzione dei lavori. Mezzi meccanici e braccia, che fino a pochi giorni fa hanno lavorato con alacrità, adesso sono bloccati perché nè lo Stato nè la Regione sono stati solerti nel garantirne l'impiego. 
Bisogna mettere in sicurezza i corsi d'acqua, ma i lavori sono stati sospesi in attesa che giunga almeno un cenno di aiuto concreto da parte dei due governi siciliano e nazionale.
La città rimane intanto, oltre che nel timore di  altre esondazioni, in uno stato di sozzura per il permanere di terriccio in molte strade, che forse si spera giunga la pioggia a rimuovere.
 Caro cittadino barcellonese, se anche stavolta - come già è avvenuto per l'emergenza rifiuti - ricorri alla filosofia del "caliti juncu chi passa la china", è meglio che io la smetta di scrivere oltre sulla malasorte di questa città....

giovedì 29 dicembre 2011

DOPO L'ALLUVIONE NELLE STRADE CI SONO CANI SENZA PADRONE

L'alluvione del 22 novembre non ha danneggiato soltanto le persone e le cose, ma anche gli animali.
Non sono stati in pochi ad essere stati investiti dalla furia della fanghiglia dei torrenti straripati e morire miseramente, e parecchi sono stati quelli che, atterriti dalla violenza della natura, scappando si sono smarriti.
Parecchi cani, nei giorni successivi all'alluvione, sono stati visti girare smarriti nelle strade fangose.Alcunisono stati salvati dall'intervento della gente. Altri, sfuggiti al controllo, si sono uniti in branco.
Qualcuno, rimasto solo,  s'è fermato dove ha potuto trovare qualcosa da mangiare.
Ne abbiamo incontrato uno  che ha scelto il parcheggio di un supermercato, dove evidentemente trova chi non  gli fa mancare un osso da sgranocchiare. Se ne sta accucciato per ore, accosto al muro, forse dimentico dì avere avuto un padrone.






PROBLEMI NOSTRI: IL GOVERNATORE DI SICILIA SI MUOVE, MA L'ISOLA RESTA BLOCCATA

Il presidente della Regione, Raffaele Lombardo, facendo il resoconto del suo incontro con  il sottosegretario Catricalà, che ha definito molto proficuo, riferisce che, nell'occasione, sono stati affrontati molti dei temi in campo circa i rapporti tra il governo regionale e quello nazionale.
"Innanzi tutto - scrive nel suo blog Lombardo - abbiamo affrontato il tema dell’ordinanza su Saponara e i comuni del messinese coinvolti nei recenti disastri. Quell’ordinanza ha bisogno di una dotazione finanziaria consistente e si è discusso della proposta di attingere alle accise sulla benzina per un piano serio di prevenzione e messa in sicurezza del territorio messinese e siciliano in generale".
E'presumibile che si tratti di dettagli che, per essere posti all'ordine del giorno del governo Monti, passerà del tempo, come d'altronde avviene per tanti altri problemi che da tempo rimangono in sospeso in questa nostra martoriata Sicilia.
Nessuno può negare che il Governatore si muove, il guaio è che, nonostante ciò, tutto resta fermo o tutt'al più bloccato al primo intoppo.
Lo stiamo constatando con la riforma degli ATO, e quel che è peggio - in loco - con la messa in stand-by di lavori pubblici, ultimi nel tempo ma non per importanza quelli avviati per sgombrare i torrenti che il 22 novembre hanno esondato, i quali sarebbero stati interrotti anzitempo per mancanza di fondi.
IL Governatore, nel suo blog, elenca altri problemi che vuol farci credere cercherà di risolvere. E chi ne vuole avere contezza basta che si colleghi al seguente link, che dà l'opportunità di leggere pure un paio di commenti veramente  interessanti.  
 CLICCA
Incontri romani proficui ma in Sicilia occorre rilanciare l’alleanza riformista « Raffaele Lombardo – Il blog del Governatore della Regione Siciliana

mercoledì 28 dicembre 2011

CUCU' SETTI PAPPAU (CLICCA E LEGGI)

Non appena l'abbiamo visti, schierati attorno al presidente della Repubblica, in gruppo così ordinato senza che nessuno accennasse a mostrare l'indice e il mignolo, c'è parso subito di individuare un segno tangibile della fine di un'ossessione. Erano i componenti del Governo Monti.
Finalmente non avremmo più visti sfilare nel teleschermo le facce ormai stantie di tutta quella pletora politica che la precedente Amministrazione ci aveva somministrato.
Poveri illusi: pur essendo cambiata la banda, la musica resta sempre la stessa.
Caso mai si sente di più la grancassa, sulle spalle della gente qualunque,ma si continua a vedere in giro a fare "cucù" chi per tanti anni ci aveva beffati.

SOLE CHE SORGI, LIBERO E GIOCONDO...

E' una giornata di sole: almeno così si presenta la mattinata. 
Dopo il freddo dei giorni scorsi, è opportuno trovare un angolino dove potere schiacciare, stretti l'uno sull'altro, un sonnellino. 
E ciò che hanno scelto di fare questi due mici randagi.



martedì 27 dicembre 2011

MA COS'E' QUESTA CRISI? MA COS'E' QUESTA CRESCITA!

TERZANI E LA SANA ECONOMIA CHE CI LIBERA DELLA SCHIAVITU' DEL BISOGNO

Terzani

RICORDANDO IL TERREMOTO DI MESSINA DEL 1908



PER FARE TESORO DI QUELLA TERRIFICANTE SCIAGURA
La Segreteria Provinciale di Messina del Frunti Nazziunali Sicilianu – “Sicilia
Indipinnenti” commemora, con intima commozione, le migliaia di vittime del terremoto
e del maremoto del 28 dicembre 1908 che 103 anni fa devastò e distrusse la nostra
amata Città di Messina e interessò ampia parte dei suoi comprensori.
Fu una tragedia che ben dopo un secolo da allora è rimasta ben scolpita nella memoria
collettiva dei Siciliani e dei Messinesi.
Fa dunque specie, oggi che le conoscenze scientifiche e le tecnologie correlate, sono così
sviluppate in questi nostri amati luoghi dell'Area dello Stretto di cui è riconosciuta
unanimemente l'ALTA SISMICITA' ci sia ancora chi ipotizzi e più ancora provi a proporre ai
Messinesi un PONTE SULLO STRETTO, che memoria, scienza, ragione e convenienza
invitano a dimenticare anche solo come ipotesi.

PER L'ANNO NUOVO SI PROSPETTANO NOVITA' ALLA REGIONE

FINISCE L'ANNO VECCHIO E SI PROSPETTANO NOVITA' A PALAZZO D'ORLEANS
La prima però è negativa ed è stata offerta dalla decisione dell'UDC di uscire dal Governo

Occupiamoci, ogni tanto, della Regione Siciliana, dove si parla sempre di rinnovamento e riforme e si resta eternamente al palo.
Il presidente Raffaele Lombardo, che in questo scorcio natalizio ha visitato le zone alluvionate del Messinese (ma s'è visto per caso a Barcellona?), rendendosi conto della gravità dei danni prodotti dal maltempo, quantificabili per circa duecento milioni di euro, ha assicurato che oggi ne avrebbe parlato con il premier Mario Monti, a Roma.
Quale potrebbe essere la risposta del capo del Governo nazionale, non è difficile immaginare, visti i tempi che corrono; e soprattutto considerati i pregiudizi che circolano nei confronti della conduzione finanziaria a Palazzo d'Orleans.
Comunque si spera che, messo da parte ogni preconcetto, a Roma si guardi con realismo alla gravità della situazione e alle impellenti esigenze d'interventi riparatori.
Altro problema, che il Governatore di Sicilia intenderebbe affrontare, riguarda la ricomposizione dei rapporti tra le forze politiche siciliane, che considera utile per un opportuno
"riequilibrio della Giunta di Governo e un saldo rafforzamento della maggioranza".
"E’ una esigenza avvertita da tutti che non può che trovare riscontro anche nel presidente della Regione",
scrive nel suo blog Raffaele Lombardo.
E aggiunge: "...ma non per imporre politici in giunta, che poi non sarebbe più tecnica. Si tratta di trovare le persone giuste che abbiano al tempo stesso la competenza e la sensibilità politica che serve per rilanciare l’azione amministrativa".
"Se si fosse approvato il bilancio entro fine anno- si giustifica Lombardo - avremmo già affrontato la questione. Da qui alla riapertura dell’assemblea c’è il tempo e la volontà perché anche il problema dei numeri che di certo penalizza l’Udc possa essere risolto".
"Sono convinto -
afferma il governatore - che si debba rinsaldare la coalizione che attualmente sostiene il governo e anche aprire un dialogo con chi ci voglia stare anche al di fuori di quella maggioranza perché l’apporto di tutti è più che utile, questo è fuori di dubbio e in tal senso io mi muoverò nei prossimi giorni.


Le speranze del Governatore intanto rischiano di svanire, visto che stamani il coordinamento regionale dell'UDC, riunitosi a Messina, ha approvato l'uscita del partito di Casini dal Governo regionale, nella cui giunta è rappresentato  dall'assessore alla Famiglia Andrea Piraino.
«Nonostante sia stato un anno di confronto positivo -
ha fatto sapere in una nota il coordinatore dell'UDC Giampiero D'Alia - abbiamo deciso di chiudere la nostra collaborazione con il governo Lombardo. A breve il nostro assessore in giunta rimetterà il proprio incarico. Avevamo chiesto al
presidente un cambio di passo di fronte ad una situazione che, sia a livello nazionale che regionale, si presenta particolarmente grave. Purtorppo però, questo governo e questa maggioranza in cui qualcuno si nasconde dietro i tecnici, ha mostrato di non essere in grado di affrontarla. Non è questione di avere avuto un assessore o un direttore tecnico in più o in meno, ma semplicemente il fatto di non avere avuto le risposte che ci saremmo aspettati».

lunedì 26 dicembre 2011

VATTELA A PESCA DOV'E' L'EQUITA'






Posted by Picasa

TAM TAM ALL'ANNO NUOVO PERCHE' SIA MIGLIORE DEL 2011

Si chiude l'Anno Vecchio, che non a tutti è piaciuto, anzi direi che ha fatto male a molti, e io non vedo l'ora che se ne vada..
Forse però faccio male a prendermela con il Vegliardo, visto che molto ci abbiamo messo di nostro, noi uomini, per renderlo scorbutico.
E allora cosa fare?
Lasceremo battere il tam tam alla bellissima figliola che annunzia all'Umanità che, se saprà dare una dritta al suo timone, l'Anno Nuovo ci salverà.




CIO' CHE ACCADE IN SICILIA NON HA IMPORTANZA

Stamattina, non essendoci in Radio 3 la classica prima pagina, per assenza di giornali, la Rai l'ha sostituita con una improvvisata rubrica, una specie di collage di telefonate registrate su eventi clamorosi del 2011. S'è pertanto parlato dell'alluvione, dell'uccisione di Osama, di immigrati eccetera. L'argomento alluvione è stato tutto incentrato sul drammatico evento delle esondazioni di Genova e delle Cinque Terre, ignorando completamente quanto è accaduto ripetutamente e con gravissimi danni alle persone e alle cose nella provincia di Messina. Ultimissima l'alluvione del 22 novembre 2011, appena un mese fa quindi, con morti a Saponara e completo sfacelo a Barcellona Pozzo di Gotto, Comune di 45 mila abitanti, completamente invaso da fango e detriti per lo straripamento di due torrenti. Fatti del genere evidentemente per la tv pubblica non hanno alcuna consistenza quando avvengono in Sicilia...

domenica 25 dicembre 2011

TASSE E TAGLI:NON TOCCATE IL RICCO EPULONE

NATALI
C'è cu mancia troppu
e c'è cu javi fami.
C'è cu s'addiverti
e c'è cu campa mali.

Finisci l'annu vecchiu
e nta sti jorna grami
si spremunu i povirazzi
e si trattunu com'i cani.



E' NATALE E CHE IL BAMBINO GESU' CE LA MANDI BUONA

 CLICCA

sabato 24 dicembre 2011

AUGURI SPECIALISSIMI CON QUESTA BELLISSIMA FOTO DI ANTONIO CILONA

Posted by Picasa

CI SONO DOCUMENTI CHE RICORDANO TEMPI MIGLIORI

Anche questa è una foto ricordo, che voglio riportare ora che ci accingiamo alla chiusura dell'anno.

E' visibile il manager della Sanità pubblica provinciale, Francesco Poli,  in mezzo a due sindaci: uno pro tempore di Barcellona e l'altro attuale di Messina, mentre tagliava un nastro significativo per l'avvenire dell'Ospedale Cutroni Zodda di Barcellona.

Era il tempo in cui questi bravissimi signori sembrava avessero a cuore le sorti di un nuovo grande ospedale, disponibile per una popolazione di circa 100.000 abitanti.

Adesso che quel tempo, così promettente, s'è squagliato come neve al sole, parimenti si sciolgono le attese di un'equa valorizzazione del Cutroni-Zodda.

Con questa amara disillusione, chiudiamo l'anno 2011, già così impietoso per l'infierire del tempo atmosferico e della crisi mondiale.

RICORDI BELLI D'UN PASSATO SCOLASTICO


Si chiude un anno e voglio avere il piacere di ricordare anni passati, mettendo in questo post le foto di miei alunni che ho avuto il piacere di seguire negli anni 1989-90 e 1990-91. 

Vediamo quanti di loro si risconosceranno in queste foto ricordo.

"NO" DEL FNS PROVINCIALE DI MESSINA ALL'ACCORPAMENTO DEGLI OSPEDALI DI PATTI E SANT'AGATA DI MILITELLO



Il ventilato “accorpamento” degli ospedali di Patti e Sant’Agata di Militello diventa motivo di opposizione per l'FNS di Messina, perché attenzionerebbe il mero risparmio economico non badando appieno alle esigenze dei territori e delle popolazioni. -

“Sicilia Indipinnenti” - si legge in una nota della segreteria di Messina - venuta a conoscenza, a seguito delle dichiarazioni rilasciate, a Patti, dal Commissario Straordinario dell’Asp 5 , Dott. Francesco Poli, dell’intenzione di riunire, “accorpare” l’ospedale di Patti a quello di Sant’Agata di Militello valuta l’annuncio oltremodo negativo.
"Se davvero quanto dichiarato a Patti dal Commissario Straordinario dell’Asp 5 dovesse
concretizzarsi - si legge in un comunicato - le popolazioni Siciliane del versante Nebroideo si troverebbero a vivere un profondo, concreto quanto insopportabile disagio, che di fatto priverebbe soprattutto gli abitanti dei piccoli centri della piena fruizione di un diritto fondamentale come quello della tutela della salute".
"Le ragioni della Asp n.5 , della Regione, della Sanità in Sicilia sono orientate, apertis
verbis, soprattutto alla riduzione quantitativa delle spese.
Ciò che si fa passare in secondo piano è che simili scelte di natura prevalentemente
economica , non possono e non devono riguardare mai la salute specie in un territorio
complesso e geograficamente peculiare come quello dei Nebrodi e dei comprensori
viciniori.
Ecco perché gli Indipendentisti Messinesi del F.N.S. considerano l’eventuale scelta di
accorpare i due ospedali una iattura anzitutto per la qualità della vita di tutti i Siciliani
residenti nel comprensorio".
"Come Messinesi e Siciliani e come Indipendentisti del F.N.S. - aggiunge il comunicato - cogliamo e additiamo questa come una patente ingiustizia che non può e non deve essere passata in silenzio né supinamente accettata dalle popolazioni, dalle Amministrazioni Civici oltreché dalle locali organizzazioni politiche, sociali e culturali di qualunque osservanza o colore siano.
La verità che emerge è che queste popolazioni sembrano contare poco o nulla, e ogni
scelta importante a livello comunitario che le riguarda viene fatta passare sulle loro teste".
– “Sicilia Indipinnenti” innanzi a quest’ennesimo “schiaffo” sferrato contro la
qualità di vita dei Siciliani, dei Messinesi dei Nebrodi oppone il proprio democratico
quanto intransigente NO alla scelta e alla logica, politica e burocratica, che vi è
sottesa"
La nota conclude suggerendo la mobilitazione delle Comunità interessate per .
DIRE NO , TUTTI INSIEME, A QUESTA
PERICOLOSA CATASTROFE ANNUNCIATA"
perchè
"E’ TEMPO DI ESIGERE IL RISPETTO, SENZA SE E MA, DEL DIRITTO
ALLA SALUTE".

venerdì 23 dicembre 2011

BUONE FESTE A TUTTI, CON UN PARTICOLARE AUGURIO PER CHI HA SUBITO DANNI PER L'ALLUVIONE



**************************

E' LA NOTTI DI NATALI
CA NASCIU LU VERBU ETERNU
E NASCIU PI CI SALVARI
DA LU MALI E DA LU 'NFERNU

*********************************
NINU NINU LU PICURARU
CIARAMEDDI NNAVEMU UN PARU
E SUNAMULI TUTTI I DUI
CA GESUZZU S'ALLEGRA CHIUI


**************************************

giovedì 22 dicembre 2011

BUON NATALE, ASSESSORE ALLA SALUTE: COM'E' FINITA CON L'ESENTICKET PER GLI ALLUVIONATI?



Letterina di Natale aperta, indirizzata all'Assessore regionale alla Salute, Massimo Russo.

Egregio Assessore alla Salute della Regione Siciliana, Massimo Russo, barcellonablog si permette di scrivere, a nome degli alluvionati del 22 novembre 2011, la presente lettera per farle sapere - se ancora non lo sa - che rimane tuttora inattuabile una sua disposizione, da Lei stesso annunciata, diversi giorni fa, in segno di aiuto per quanti soffrono il drammatico stato d'emergenza.
Ella ricorderà di averci fatto scrivere che «Tutti i cittadini residenti nei comuni della provincia di Messina coinvolti negli eventi calamitosi il mese scorso sono esentati con decorrenza immediata e fino al 31 dicembre del 2012 dal pagamento delle quote di compartecipazione alla spesa sanitaria, compresa la quota dovuta sui farmaci equivalenti».
E noi spiegammo che l'ottima iniziativa era stata disposta dall'assessore alla Salute Massimo Russo, al fine di attenuare lo stato di disagio provocato dall'alluvione dello scorso 22 novembre.
Senonché, la decorrenza immediata, che avrebbe dovuto consentire alla popolazione prostrata di fruire subito del "vantato" esenticket, deve ancora cominciare a decorrere.
E di ciò hanno dovuto accorgersi quanti in farmacia o in ospedale si sono presentati convinti di potere fruire della sua "generosa" disposizione.
Era stato detto che - per la prescrizione di medicinali - sarebbe stato sufficiente ai medici di famiglia l'accertamento della residenza mediante certificazione comunale. Andando al concreto, risulta che tale certificazione non è sufficiente, perché esisterebbero altre condizioni non ancora soddisfatte: e cioè un previsto codice da applicare nella ricetta medica e la pubblicazione del Suo "decreto" nella Gazzetta Ufficiale della Regione.
Questo almeno si spiega a chi si presenta in farmacia o in ospedale e pretende l'esenzione, da Lei stabilita.

Come vede, egregio Assessore, anzicché semplificare la vita a chi già ce l'ha abbastanza complicata, si fa di tutto per renderla più difficile, dando spazio alla più retriva burocrazia.

barcellonablog

mercoledì 21 dicembre 2011

BUON NATALE....A TUTTI

,.,°_██_*。*./ \ .˛* .˛.*.★* *★ 。*
˛. (´• ̮•)*˛°*/.♫.♫\*˛.* ˛_Π_____. * ˛*
.°( . • . ) ˛°./• '♫ ' •\.˛*./______/~\ *. ˛*.。˛* ˛. *。
*(...'•'.. ) *˛╬╬╬╬╬˛°.|田田 |門|╬╬╬╬ .
¯˜"*°•♥•°*"˜¯`´¯˜"*°•♥•°*"˜¯` ´¯˜"*°´¯˜"*°•♥• BUON NATALE ♥
-AUGURI DI UN SERENO NATALE
A TUTTI GLI AMICI ED ANCHE A COLORO CHE AMICI NON SONO.

-VIVA UMANA SINCERA COMPRENSIONE, UNITA ALL'AUSPICIO D'UN CONCRETO INTERVENTO DELLO STATO, A COLORO CHE HANNO SOFFERTO E CONTINUANO A SOPPORTARE I GUAI DELLA DRAMMATICA ALLUVIONE.




PRIMO PREMIO DI POESIA DEDICATO AL POETA SICILIANO NELLO CASSATA, POETA SCRITTORE STORICO CONFERENZIERE DI BARCELLONA POZZO DI GOTTO


Nasce, a Barcellona, un premio di poesia dedicato alla memoria del poeta concittadino Nello Cassata.
L'Associazione Culturale "Corda Fratres" e il Museo Etnostorico "Nello Cassata", con il patrocinio della Regione Siciliana, della Provincia Regionale di Messina e del Comune di Barcellona Pozzo di Gotto, organizzano la Prima Edizione del Premio di Poesia "Sulla Strada di Nello Cassata".
A tema libero, il concorso è aperto a tutti i poeti in Italia e all'estero.
Si partecipa con una sola poesia, edita o inedita, che dovrà pervenire in 7 copie ( di cui una soltanto recante firma, nome, cognome, indirizzo e recapito telefonico dell'autore) al seguente indirizzo:
PREMIO DI POESIA "SULLA STRADA DI NELLO CASSATA" CASELLA POSTALE N.298056 MAZZARRA' SANT'ANDREA (ME) ITALIA.
Termine ultimo di presentazione: 29/2/2012. (Farà fede la data del timbro postale).
La cerimonia di premiazione si svolgerà nel mese di luglio 2012 a Barcellona Pozzo di Gotto, nel giardino del Museo Etnostorico "Nello Cassata", alla presenza di rappresentanti del mondo della Politica, della Cultura e della Giustizia.

martedì 20 dicembre 2011

IL SINDACO DI BARCELLONA ORDINA LA CHIUSURA DELLE SCUOLE E DI UFFICI PUBBLICI PER LA PROSPETTIVA DI RISCHIO METEREOLOGICO


Riguardiamoci, ma senza creare per questo la sindrome del Longano

Il sindaco di Barcellona Pozzo di Gotto, Candeloro Nania, preso atto del messaggio pervenuto nelle ore pomeridiane di oggi 20 dicembre 2011, dalla Soris del Dipartimento della Protezione Civile della Regione Siciliana che avverte "da stasera 20/12 + 24-36H Moderata criticità per rischio idrogeo comuni vulnerati Zone A-B-I Dichiarata fase d'allarme. Attivare procedure piani PC''.
Rilevato che si prevedono precipitazioni diffuse, anche a carattere di rovescio/temporale, venti nord occidentali da forti a burrasca forte e mareggiate sulle coste esposte e che il verificarsi di tali fenomeni potrebbe dare luogo a criticità su territorio vulnerato dal recente evento del 22/11/2011 con conseguente situazione di rischio per la privata e pubblica incolumità: considerato che non sono stati ancora completati gli interventi di messa in sicurezza delle aree maggiormente colpite dalla richiamata calamità, per cui permane situazione di rischio al verificarsi di nuovi eventi meteo avversi della medesima natura;
ritenuto doversi dare immediata attivazione alle misure di salvaguardia della incolumità delle persone e dei beni,
ordina

1)la chiusura delle scuole di ogni ordine e grado, pubbliche e private, funzionanti nel territorio comunale, per i giorni 21 e 22 dicembre 2011;
2) la chiusura di ogni attività pubblica, per i medesimi giorni e per tutto il territorio comunale, con esclusione dei soli servizi sanitari e di soccorso e sicurezza pubblica e dei servizi del Comune essenziali per la gestione della fase di allarme;
3) di fare carico, in particolare, ai dirigenti delle Isituzioni scolastiche e di ogni altra Amministrazione interessata di dare tempestiva e opportuna informazione all'utenza della presente ordinanza ;
4) fare carico ai cittadini di tenere comportamenti idonei alla salvaguardia della prpropria incolumità fidica.
I titolari di aziende sono onerati di adottare ogni iniziativa utile a tutelare l'incolumità propria , del personale e dell'utenza, ivi compresa, ove occorresse la tempestiva chiusura degli esercizi.
/ordinanza_sindacale_140_del_2011

NATALE IN PIAZZA PRO ALLUVIONATI DEL 22 NOVEMBRE

Evento pubblico· Creato da Protezione Civile ASVO
Si svolgerà martedì 27 dicembre - dalle19.00 fino all'una in piazza del Pescatore, a Tonnarella di Furnari

"Il Natale sta arrivando, e come ogni anno, la magia delle luminarie, degli alberi colorati e dei presepi si rinnova sebbene la crisi economica non faccia presagire un Natale spendaccione.
Il Natale, tuttavia, deve essere anche DIVERTIMENTO.
Nella sua portentosa universalità, la natività deve essere capace di riportare la nostra attenzione su coloro che sono più sfortunati, come quelle persone a cui la vita ha dato poco o nulla, ma soprattutto, in questo momento, su tutte quelle persone che hanno subito grosse perdite a seguito dell'alluvione del 22-11-2011.
L'intento è quello di andare a proporre una serie di attrazioni di vario genere che, sotto la splendida luce della luna e delle stelle, trasmettano emozioni ed entusiasmo.
Durante la serata, si promuoverà la raccolta di beneficenza per gli alluvionati del Messinese e verrà anche pubblicizzato l'SMS solidale già esistente ... un piccolo pensiero che certamente non cambierà la vita di nessuno, ma che, sicuramente per molti potrebbe fare la differenza tra un Natale di lacrime ed uno di sorrisi appesi all'albero come fossero tante palline colorate.

Saranno privilegiate:
- ATTIVITA' MUSICALI, CONCERTISTICHE E TEATRALI
- ATTIVITA' DI RISTORO (PANINI CON SALSICCIA, VINO, DOLCI TIPICI ...)
- ATTIVITA' LUDICO- RICREATIVE E DI ANIMAZIONE (GONFIABILI PER BAMBINI E GIOCHI A QUIZ PER ADULTI)
- MOSTRE FOTOGRAFICHE ED ARTISTICHE
- ESPOSIZIONI ARTIGIANALI


BARCELLONA P.G. : E' NATALE E PER NOI E' GIUNTO IL MOMENTO DELLA SPERANZA E DEL RINGRAZIAMENTO

Si avvicina il Santo Natale che, nei paesi colpiti dall'alluvione del 22 novembre, ci si augura possa spazzare, con l'aiuto del Redentore, ogni ombra di ulteriore pericolo e sostenere le forze di quanti vogliono restituire in tutto il territorio la vivacità e il vigore momentaneamente prostrati dal drammatico evento.
Che la gioia di sempre per la nascita del Signore ravvivi, in questo difficile fine- anno, la speranza che coloro che hanno il dovere e il potere di farlo non trascurino questa bellissima gente, che con coraggio ed abnegazione ha saputo affrontare la grande prova di questo lunghissimo mese.
Dopo le stressanti giornate dello spalamento, adesso sembra giunto il momento del raccoglimento; e tutti siamo invitati alla riflessione e al ringraziamento.
Tornerà l'ora in cui riprendere, con la stessa lena di prima, l'opera di risanamento e di rinascita, chiedendo soprattutto di essere sostenuti in ciò, con i necessari interventi, da chi può e deve, per elezione.

CARCERI – I dati delle vacanze organiche del personale*** Mancano poliziotti, educatori, assistenti sociali e direttori

L'adombrata promessa di interventi d'emergenza per affrontare le carenze carcerarie, fatta dal nuovo ministro di Grazia e Giustizia, rende di notevole spessore quanto viene espresso in questo comunicato dal segretario generale del'Uil Penitenziari, Eugenio Sarno.

“ Per comprendere appieno la reale portata delle deficienze organiche in seno al Corpo di Polizia Penitenziaria occorre ricordare che nel 2001, quando ne fu decretata la pianta organica, erano in servizio circa 42mila unità, con una popolazione detenuta attestata intorno alle 45mila presenze. Dieci anni dopo con una popolazione detenuta che ha sfondato quota 68mila, con molti istituti penitenziari nuovi e qualche decina di nuovi padiglioni attivati, la polizia penitenziaria conta 37.784 unità. In sintesi negli ultimi dieci anni la popolazione detenuta è aumentata del 51% mentre l’organico della polizia penitenziaria ha subito un decremento di circa il 9%. Ogni ulteriore commento ci pare davvero inutile”

E’ quanto dichiara Eugenio SARNO, Segretario Generale della UIL Penitenziari, che illustra i risultati di uno studio effettuato sulle vacanze organiche del personale rilevate dal DAP al 31 ottobre 2011.

“ Quelle delle carenze organiche costituisce una delle più gravi criticità, ed è evidente che questa situazione è di grave nocumento al raggiungimento degli obiettivi di rieducazione e risocializzazione che la Costituzione affida al sistema penitenziario e determina anche un grave vulnus alla sicurezza sociale. A scorrere bene i dati – prosegue SARNO – si appalesano forti vacanze organiche anche nei profili degli operatori demandati al trattamento intramoenia. All’appello, infatti, mancano 93 dirigenti, 318 contabili, 494 assistenti sociali e 325 educatori. Questi numeri sono parte integrante della deriva dell’universo penitenziario che, nel solo 2011, conta 65 suicidi, 945 tentati suicidi, oltre 5000 atti di autolesionismo grave e circa 400 agenti penitenziari feriti per aggressioni subite da detenuti ”

Ma è soprattutto la situazione organica della polizia penitenziaria a finire sotto la lente di ingrandimento della UIL Penitenziari

“ Al dato complessivo delle circa 3.800 unità mancanti all’organico decretato (comunque inattuale rispetto alla situazione attuale) occorre sottolineare come siano ben 3.105 i baschi blu che operano in strutture non penitenziarie ( di cui circa 750 nei PRAP, circa 300 nelle Scuole, circa 160 negli UEPE, 45 al magazzino Vestiario e circa 1100 al DAP), a cui occorre sommare le 231 unità che operano in altre Amministrazioni o Enti. Noi riteniamo che di fronte alla desertificazione dei contingenti operativi tutto ciò sia insostenibile e pertanto auspichiamo che il Capo del DAP ma lo stesso Ministro Severino vogliano aprire un confronto sulla questione. Di certo il prossimo 23 dicembre quando incontreremo il Ministro della Giustizia questo sarà uno degli argomenti che vorremmo affrontare. Non è possibile che circa il 10% dell’intero organico della polizia penitenziaria sia destinato a strutture non operative. Sono circa 150 i poliziotti penitenziari – elenca il Segretario Generale della UIL Penitenziari - applicati presso sedi giudiziarie, 37 quelli distaccati presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri, 13 al Ministero dell’Interno, 3 alla Corte dei Conti e così via. Qualcuno ci dica perché alcune unità di polizia penitenziaria sono distaccate nei posti più disparati : al Ministero della Salute, alla regione Molise, alla regione Sicilia, al Consiglio di Stato piuttosto che alla CONSOB o addirittura alla Commissione di garanzie per gli scioperi! Allo stato, tra l’altro, è praticamente impossibile conoscere il numero esatto del contingente di polizia penitenziaria in servizio negli uffici del Ministero di Via Arenula. Occorre fare chiarezza e razionalizzare l’impiego del personale. Noi vorremmo qualche usciere in meno e qualche poliziotto in più nelle carceri. A tal proposito ci pare eclatante il dato che emerge nel Lazio : a fronte di 5044 poliziotti penitenziari in regione, solo 3275 operano in carcere. Ben 1769 sono quelli impiegati in strutture amministrative. E – chiosa SARNO - se non si può certo continuare ad aprire nuove strutture senza assumere personale è anche vero che qualche unità in meno nei palazzi del potere potrebbe alleviare i sacrifici di quel personale che per garantire la funzionalità delle carceri spesso è costretto a rinunciare ai propri diritti elementari come risposi settimanali e ferie”.

lunedì 19 dicembre 2011

ALLUVIONE BARCELLONA POZZO DI GOTTO: LA CITTA' TENTA DI USCIRE DALL'ENPASSE, MA ANCORA LA STRADA E' LUNGA


NUMEROSE SONO LE SITUAZIONI RESE DIFFICILI DALL'EVENTO CATASTROFICO CHE HA COLPITO IL TERRITORIO.


Nonostante resti ancora parecchio da fare per togliere il "fango" che ha invaso la città, e tutto da fare per porre in sicurezza il territorio e riparare i corsi d'acqua che il 22 novembre scorso, esondando, hanno invaso gran parte di Barcellona, sul grande faticoso lavoro svolto dall'istituzione e dal volontariato nelle prime settimane, per fronteggiare le gravi conseguenze del drammatico impatto, s'è potuto intanto fare un primo consuntivo operativo, risultato degno d'encomio.
Ad esprimere riconoscenza verso quanti - giovani e meno giovani - hanno dato anima e corpo per la città sofferente, sono stati in tanti, commossi e sorpresi per la generosa compattezza degli interventi spontanei, il cui contributo è stato signigficativo non solo sul piano umano e sociale, ma anche dal punto di vista operativo.
Pertanto diventa, oltre che doveroso, soprattutto sentito il ringraziamento espresso più volte - e non solo formalmente - dal Sindaco Candeloro Nania a tutti coloro che si sono prodigati in ogni angolo della città.
Non è mancata invero qualche perplessità per la tiepidezza rilevata in taluni settori, soprattutto politici e mediatici. In compenso si sono avute numerose reazioni positive, e continuano ad essercene: particolarmente per il susseguirsi d'iniziative spontanee.
Intanto, anche se dalle autorità sanitarie si attende ancora un decisivo intervento per un utile monitoraggio ambientale, reso necessario dalla permanenza di polveri sottili, solamente attenuate dalle recenti scarse piogge, qualcosa di positivo in questi giorni ha fatto registrare l'assessorato regionale alla Sanità, il cui titolare - Massimo Russo - ha annunciato che per gli abitanti delle zone alluvionate, fino al 31 dicembre del 2012, è stata decisa l'esenzione del tiket negli interventi sanitari.
La notizia è generica e dovrebbe essere quanto prima specificata meglio.
Altro significativo intervento è quello annunciato dall'Arcivescovo di Messina Calogero La Piana, il quale ha deciso di tornare a Barcellona il 23 dicembre per concelebrare, nella Basilica Minore di San Sebastiano, una Messa solenne in rigraziamento per lo scampato pericolo di vita della popolazione durante l'esondazione.
La celebrazione eucaristica sarà officiata assieme al clero cittadino, alle ore 18 di venerdì prossimo.
Fortunatamente non ci sono stati morti: e di ciò va ringraziata la Provvidenza divina.
Non si dimentichi però che sono centinaie le famiglie che hanno perso molto o addirittura tutto: e non soltanto nel comparto commerciale, ma anche nelle comuni abitazioni e nelle campagne.
Di tutto questo sfacelo si deve, quindi, tenere conto da parte di chi ha il dovere - come organo o individuo democraticamente eletto - di risarcire nei modi più attinenti chi rischia di rimanere sul lastrico.
Questo sia ben chiaro a tutti coloro che credono di potere procedere con la politica delle promesse: perché spesso dalle nostre parti "verba volant" e sarebbe semplicemente delinquanziale se tale prassi si perpetuasse pur di fronte a questa immane disgrazia.

domenica 18 dicembre 2011

A TUTTI UN BUON NATALE IN ...POESIA


CLICCA




Per non dimenticare quanti hanno bisogno di luce cerchiamo di raggiungerli tramite CBM Italia Onlus - Missioni Cristiane nel Mondo.
Posted by Picasa

QUESTO E' QUELLO CHE NON PUBBLICANO I GIORNALI:


"Ad un mese dalla nefasta alluvione che ha messo in ginocchio la città di Barcellona P.G. purtroppo ancora dobbiamo registrare l’assenza della nostra deputazione nazionale nel sostenere quotidianamente l’agognato “decreto” che definisca iniziative, poteri e fondi per un intervento d’insieme per rimettere in sicurezza il territorio, andare incontro ai bisogni di quelle famiglie che hanno avuto ingenti danni, per dare respiro a quelle imprese commerciali ed artigianali che rischiano, finite le feste natalizie, di abbassare definitivamente le saracinesche perché non riescono a fare fronte alle quantità di tributi da onorare.
Infatti fino ad oggi si sono registrate le positive iniziative delle Associazioni di Categoria, dell’Ordine dei Commercialisti, dei movimenti civici, del volontariato ma anche dell’assessore regionale Venturi, delle Banche, della Crias ecc..senza le quali avremmo potuto gridare che la città è abbandonata dalle Istituzioni, tuttavia sono iniziative che non seguono un quadro d’insieme come ad esempio fu fatto in occasione dell’alluvione di Giampilieri.
In maniera non organica si è registrata anche la solidarietà del segretario regionale del Pd, così come quella dei deputati regionali eletti in provincia, ma a parte questi attestati non è ancora stata prodotta una iniziativa comune nei confronti del Governo Nazionale.
E’ urgentissimo l’intervento di quest’ultimo perché oltre al danno dell’alluvione prossimamente potremmo ritrovarci intere famiglie di imprenditori e dipendenti di colpo senza un lavoro con la terribile conseguenza che la lenta agonia che vive la città si trasformi rapidamente in una triste fine di un tessuto economico che storicamente aveva caratterizzato il nostro territorio.
Si fa pertanto appello a tutta la deputazione per una forte iniziativa nei confronti del Governo Nazionale e del Presidente della Regione Lombardo che incontrerà il Presidente del Consiglio Monti il 27 dicembre per un provvedimento che organizzi una task force e venire incontro ad una città sull’orlo del fallimento".
Pippo Biondo

MANIFESTAZIONI PRESSO L'EX PESCHERIA IN MEMORIA DELL'ALLUVIONE

Si apre oggi, presso i nuovi locali dell'ex pescheria in via Longo, una mostra fotografica sull'alluvione del 22novembre 2011.
E' organizzata dal Comitato Cittadino "ViviaAmo Barcellona", costituitosi con il concorso di volontari al fine di contribuire alla rinascita della città prostrata dagli effetti dell'alluvione.

::::::::::::::::::::::::::::::::
Negli stessi locali, al piano terra, è stato allestito un "mercatino" post alluvione dove, su alcune bancarelle, sono esposte - in vendita a prezzi scontati - oggetti, indumenti ed altro materiale che si è riusciti a sottrarre alla furia del drammatico evento, che tanto danno ha arrecato all'imprenditoria di Barcellona.

sabato 17 dicembre 2011

BONARMA DAY - MUSICA@PALATE - 30.12.2011





Domenica, con inizio alle ore 17 grande incontro musicale cittadino in

Via San Giovanni Bosco - Copertura torrente Longano , Barcellona-Pozzo di Gotto

Concerto benefit a favore delle popolazioni alluvionate del Messinese.

- ROY PACI & ARETUSKA
- NONO' SALOMONE
- SUD SOUND SYSTEM
- FRANKIE HI NRG
- TINTURIA
- QBETA

- MAX JRM IOVINE from 99POSSE
- BUNNA from AFRICA UNITE
- ALIBABA'
- TOTI POETA
- PEPPE VOLTARELLI
- TONY TROJA & MASSIMO MERIGHI
- KRIKKA REGGAE
- PRIMO & GRANDI NUMERI from CORVELENO
- ZU LUCIANO
- BOO DACI'S
- 22° QUARTIERE feat L GULASH
- SINDROME DI PETER PAN
- FATTORI RECESSIVI
- TERRAE

L'accesso all'area concerto è totalmente gratuito!!
Aquistando le magliette, il cibo e le bevande presso gli stand all'interno dell'area concerto contribuirete alla raccolta fondi, potrete anche donare direttamente nei punti di "raccolta fondi".
L'intero ricavato verrà versato sul conto corrente
IT 38 E 05018 04600 000000 140686
La gestione del conto, la distribuzione degli aiuti, le modalità di erogazione dei contributi saranno rese pubbliche attraverso la pagina: www.bonarmaday.org (al momento in elaborazione) e con una campagna informativa che mirerà a raggiungere anche chi non avesse accesso al web.
Dal 30 dicembre sarà possibile compilare le richieste di contributo attraverso un apposito form che sarà distribuito presso i punti di "raccolta fondi".
Per avere informazioni sulla campagna di raccolta fondi: info@bonarmaday.org

COSE DA VEDERE E DA GUSTARE CON LA MENTE E COL CUORE


Una bella evasione, per la città che esce da una situazione drammatica, viene offerta da due persone che di Barcellona Pozzo di Gotto - anche se con modalità e iniziative differenti - si sono sempre interessate, dando il meglio di sè.
Giulia Carmen Fasolo e Marcello Crinò, nel quadro della manifestazione "L'università per Barcellona", presentano una mostra fotografica comprendente immagini sicuramente interessanti, oltre che avvincenti.
Passaggi d'Assenza di Giulia Carmen Fasolo e Alluvione 22.11.2011 di Marcello Crinò saranno commentati dai rispettivi autori, nella Sala Mostre del Palacultura "Bartolo Cattafi" di Barcellona, subito dopo la presentazione inaugurale, prevista per le ore 20 di mercoledì prossimo 21 dicembre.
L'ingresso sarà libero: il che significa che tutti siamo invitati, anche se non abbiamo ricevuto l'elegante locandina.

IN UN CONVEGNO, CHE SI TERRA' DOMANI A BARCELLONA, SEL AVANZERA' PROPOSTE PER DARE SOLUZIONE AI PROBLEMI POST ALLUVIONE


La Federazione provinciale di Sinistra Ecologia e Libertà di Messina organizza per Domenica 18 Dicembre 2011 alle ore 17,30 presso la Sala Oasi “ex Monte di Pietà” di Barcellona P.G. un convegno dal titolo “Le proposte di SEL per curare il territorio, sostenere e incentivare le attività produttive e commerciali” dopo i tragici eventi alluvionali e franosi che lo scorso 22/Novembre hanno flagellato la dorsale Tirrenica orientale. Interverranno i geologi: Dott. Roberto Iraci (“Barcellona prima e dopo l’alluvione”) e Dott. Massimo Putignano (“Lineamenti di idrogeologico e l’inadempienza degli interventi a Barcellona P.G.” ), il Dott. Franco Roccaforte (la situazione morfologica del nostro territorio, l’Ing. Bruno Manfrè (“La protezione civile nell’emergenza”) e il Prof. Beniamino Ginatempo, responsabile provinciale SEL sulle politiche ambientali (“Le proposte di SEL per le politiche del territorio” ). Concluderà il convegno il prof. Paolo Castorina , responsabile comitato scientifico SEL Sicilia il quale illustrerà e si soffermerà sulle proposte di Sinistra Ecologia e Libertà per una efficace cura e gestione del territorio. Presiede e modera il portavoce provinciale di SEL Messina Salvatore Chiofalo. A conclusione, sarà proposto un documento con il quale si intende sollecitare le Istituzioni pubbliche e private (Sindacati, Associazioni di categoria e rappresentanti delle attività produttive e del commercio, rappresentanti della cooperazione, rappresentati degli Istituti Bancari e di credito operanti in provincia, Sindaci interessati) a costituirsi in coordinamento permanente possibilmente con l’istituzione di un tavolo tecnico presso la Prefettura per armonizzare e condividere gli interventi immediati da richiedere e porre in essere allo Stato e alla Regione per consentire nell’immediato la ripresa delle attività e gli incentivi economici e le agevolazioni fiscali a favore delle imprese nonché di promuovere l’assunzione di una rinnovata cultura di pianificazione territoriale ecosostenibile con alla base la cura e la prevenzione.

Salvatore Chiofalo –Coordinatore Provinciale SEL

Informazioni personali

La mia foto
barcellona pg, messina, Italy
Questo blog non va considerato testata giornalistica: poichè i suoi post non vengono aggiornati con cadenza periodica e preordinata, non può costituire prodotto editoriale, ai sensi della legge n.62 del 7.3.2001. L'autore si dichiara non responsabile per i commenti ai vari post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze non vanno addebitati all'autore, neppure quando vengono formulati da anonimi o criptati. Le immagini pubblicate, quando non sono di proprietà dell'autore, sono procurate con licenza di pubblico dominio o prese liberamente dalla rete. Nell’eventualità che qualcuna violasse i diritti di produzione, si pregano gli interessati di darne comunicazione a questo blog perché si provveda prontamente alla cancellazione.